Serie C: derby ai Falcons.

Il Rimini 86 avrebbe voluto salutare con una vittoria nel
derby contro il Torre Pedrera Falcons, l'addio al baseball di Orlandi, ma
siccome la strada dell'Inferno è lastricata di buone intenzioni i Gufi possono
consolarsi con l'aver guadagnato un punto per il Paradiso.

Aria di derby molto sentito, dopo le due sconfitte rimediate
sia in coppa che nel girone di andata contro il Torre, e questo, unitamente al
caldo afoso ha sicuramente influito sulla concentrazione dei giocatori del
Rimini 86 che sostanzialmente non sono mai stati in grado di impensierire la
squadra di casa. Parte bene il giovanissimo Tomassoni dei Falcons che lascia a
secco le mazze del Rimini 86 che essendo in trasferta aprono l'incontro con il
turno di attacco. Non così bene il lanciatore partente del Rimini 86 Frisoni,
che subisce 4 punti al primo inning e 3 al secondo – onestamente la difesa ha
contribuito non poco con ben quattro errori - mentre i Gufi segnano un
punticino che gli consente solo di non perdere subito la speranza. Ma la squadra
del Rimini 86 è abituata a partenze lente e lentamente appunto comincia a
carburare. 3 punti al quarto ed uno al quinto gli consentono di portarsi a sole
due lunghezze dai Falcons.

Purtroppo si rivela azzeccatissimo il cambio sul monte di
lancio del Torre con l'ex Masini che fornisce una bella prova lasciando
completamente a secco le mazze riminesi, mentre la squadra di casa allunga di 3
punti al sesto e di un altro punto al settimo fissando il risultato finale
sull'undici a cinque per il Torre Pedrera.

Rammarico per il coach Perazzini e per capitan Gasparotto
che avevano riposto molte speranze nella possibilità da parte dei Gufi di
sopravanzare i Falcons e che consideravano la partita come una sorta di finale
di World Series. Domenica prossima ultima di campionato sul campo del
lanciatissimo Ozzano capolista. Potremo sperare in un colpo di scena? Sperare
non costa nulla!

Stampa Email

ASD Rimini 86 Baseball Rimini via Bengasi, 3 Club P.IVA 02148070408 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.